È professore ordinario di Archeologia all’Università di Bari ‘Aldo Moro’.

Dottore di ricerca in Archeologia e dottore di ricerca in Storia, ha insegnato Archeologia all’Università di Foggia, dove è stato Presidente del Corso di Laurea in Beni Culturali e Direttore del Dipartimento di scienze umane, coordinatore del Dottorato di Ricerca in Archeologia e didattica dei Beni Culturali, del Corso di dottorato in Storia e Archeologia globale dei Paesaggi, del Master di I Livello in Archeologia dei paesaggi e delle Summer School di archeologia.

Dal 2008 al 2013 è stato Rettore dell’Università di Foggia. Nella CRUI-Conferenza dei Rettori delle Università Italiane è stato coordinatore della Commissione Biblioteche.

Dal 2017 è componente del Collegio dei Docenti della SAIA – Scuola Archeologica Italiana di Atene, dove insegna Archeologia tardoantica.

Dal 2017 è componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Siena.

Dirige la rivista L’archeologo subacqueo.Quadrimestrale di archeologia subacquea e navalee le collane di archeologia Insulae Diomedeae(Università di Foggia); Bibliotheca Archaeologica;Adrias; Aufidus; Le vie maestre(Edipuglia).

È componente della redazione e del comitato scientifico di numerose riviste e collane nazionali e internazionali. Ha diretto numerosi progetti di ricerca nazionali ed internazionali. È socio di numerose società scientifiche di ambito storico e archeologico ed è socio corrispondente dell’Istituto Archeologico Germanico.

Dal 2012 al 2018 è stato Presidente della SAMI – Società degli Archeologi Medievalisti Italiani.

Dal 2012 è stato componente e dal 2014 al 2018 è stato Presidente del Consiglio superiore ‘Beni culturali e paesaggistici’ del MiBACT.

Dal 2018 è Presidente della Consulta Universitaria per le Archeologie Postclassiche e dal 2019 è Presidente della Federazione delle Consulte Universitarie di Archeologia.

Dal 2019 è Membre du Conseil Scientifique de l’Institut des Sciences Humaines et Sociales, CNRS, Paris.

Ha diretto numerosi scavi e ricerche archeologiche terrestri e subacquee in Italia e all’estero.

Ha coordinato la Carta dei Beni Culturali della Puglia e ha lavorato al Piano Paesaggistico Regionale della Regione Puglia.

Ha conseguito prestigiosi premi e riconoscimenti e ha pubblicato oltre 600 contributi, tra cui numerose monografie, tra le quali si segnalano, nel campo della politica dei beni culturali, Patrimonio al futuro(Electa 2015), Un patrimonio italiano (Utet 2016), Il bene nostro. Un impegno per il patrimonio culturale(Edipuglia 2019), Archeologia pubblica(Carocci 2020). È considerato uno dei principali esperti di politica dei beni culturali in Italia

 

Logo_GDA
alinari
archeo
archeomatica