Festa a Torino per il lungo restauro della Cappella della Sindone premiato a Parigi

da Sky Arte – 21 novembre 2019

Il 22 novembre Torino festeggia il Premio Europa Nostra conferito al restauro della Cappella della Sindone. Ingresso gratuito serale e illuminazione scenografica della Cupola del Guarini.

Era l’11 aprile 1997 quando un tragico incendio danneggiò uno dei simboli architettonici di Torino: la Cappella della Sindone, progettata dall’architetto Guarino Guarini e costruita in stile barocco alla fine del XVII secolo (nell’immagine in apertura, crediti Musei Reali Torino – photo Daniele Bottallo).

Ne seguì un lungo restauro, durato oltre un ventennio e terminato solo un anno fa. Ora, quegli importanti lavori di recupero hanno recentemente ricevuto a Parigi il riconoscimento European Heritage Award/Premio Europa Nostra 2019, che ogni anno celebra e promuove le eccellenze culturali: un evento che i Musei Reali intendono festeggiare con l’intera cittadinanza.

I FESTEGGIAMENTI

Così, a poco più di un anno dalla riapertura, venerdì 22 novembre la Cupola del Guarini sarà illuminata da uno scenografico gioco di luci. Un appuntamento imperdibile che segnerà l’inizio delle celebrazioni pubbliche e sarà accompagnato da uno speciale programma di iniziative, come la visita gratuita in notturna di Palazzo Reale, Armeria e, ovviamente, del capolavoro di Guarino Guarini.

vai all’articolo originale

 


I professionisti che hanno realizzato il restauro in categoria OS2 della Cappella del Guarini, sia nella fase progettuale che esecutiva, come spesso accade nella comunicazione del settore non sono mensionati nell’articolo. Come già capitato in più occasioni ci prendiamo noi l’onere di citarli, ma in questo caso soprattutto l’onore considerato che i lavori di restauro degli apparati decorativi del capolavoro del Guarini danneggiati e in larga misura distrutti dal devastante incendio del 1997 (quasi 4000 metri quadri di rivestimenti di marmo di Frabosa scolpito), sono stati realizzati dall’associazione temporanea di imprese Raggruppamento Sacra Sindone, composto da Carla Tomasi Srl  e Studio CRC di Paolo Pastorello, con l’aggiunta di Kermes Snc, i cui titolari Carla Tomasi, Paolo Pastorello e Piero Coronas sono rispettivamente Vice Presidente, Presidente e Tesoriere di RSF.

L’intervento, di grande complessità, è consistito nel restauro conservativo delle vaste superstiti superfici marmoree combuste, a rilievo, a tutto tondo e piane e nella reintegrazione di quasi 1000 mq di parti mancanti, esplose a causa dello shock termico, dei lacunari esagonali, a stelle e croci, dei grandi fastigi a modiglioni degli oculi, delle decorazioni della cupola a cestello e delle volute e conchiglie sui cornicioni, anch’essi in gran parte ricostruiti con malte speciali e trattamenti mimetici a finto marmo.

Le ricostruzioni, realizzate sulla base dei disegni seicenteschi originali di Guarino Guarini, sono state realizzate avvalendosi si sistemi originali sviluppati dall’ATI nel corso dei lavori, introducendo metodologie innovative di alto valore tecnologico, che hanno consentito di realizzare le parti mancanti per mezzo di formatura indiretta, basata  sulla modellazione  computerizzata dei rilievi Laser Scanner 3D eseguiti dall’ATI su tutta la superficie decorata.  È seguita la realizzazione di controforme, costituite da casseri in polistirene ad alta densità, ottenute per fresatura computerizzata, avvalendosi di  macchine robotizzate a controllo numerico. Tramite pompe peristaltiche, sono state iniettate speciali malte idrauliche fluide nei grandi casseri. In tal modo, tra i lacerti superstiti della decorazione originale, sono state reintegrate le parti mancanti, armate con strutture in acciaio inossidabile, ottenendo nuovamente l’unità formale dello straordinario monumento guariniano della Cappella della Sacra Sindone.

 

Restauro delle superfici della Cappella della Sacra Sindone – Torino
ATI Carla Tomasi S.r.l. – STUDIO CRC di Paolo Pastorello. Segretariato Regionale per il Piemonte.
Ricostruzione plastica delle decorazioni marmoree distrutte dall’incendio del 1997.

Commenti

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato




Logo_GDA
alinari
archeo
archeomatica