Aperte le iscrizioni al “Corso di Documentazione e di Imaging Multispettrale per gli operatori dei beni culturali”

Informiamo che la FINCO (Federazione Industrie Prodotti Impianti Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni e la Manutenzione) con ARI Associazione Restauratori d’Italia e RSF Restauratori senza Frontiere-Italia  hanno concordato l’attivazione del corso di documentazione e imaging multispettrale sotto indicato proposto nell’ambito delle attività del DTCCentro di Eccellenza del Distretto tecnologico per le nuove tecnologie applicate ai beni e alle attività culturali della Regione Lazio, in attuazione del Progetto CAP Corsi di Apprendimento Permanente

Corso di Documentazione e di Imaging Multispettrale per gli operatori dei beni culturali 

Pertanto, con la presente, comunichiamo che si terrà il corso di aggiornamento professionale in argomento erogato a titolo gratuito ad un numero massimo di 20 partecipanti in due sedi distinte con le seguenti modalità:

in data 15 gennaio dalle ore 14,30 alle ore 17,30 presso il Laboratorio di Analisi non Distruttive e Archeometria LANDA “Sebastiano Sciuti” – Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l’Ingegneria – Università degli Studi di Roma “La Sapienza” – Via A. Scarpa 16, 00161 Roma a cura della dott.ssa Anna Candida Felici

e

in data 20 gennaio dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00 alle ore 17,00 presso Enea- Casaccia, Via Anguillarese 301 santa Maria di Galeria a cura della Dott.ssa Franca Persia eDott.Claudio Seccaroni,

E’ obbligatoria l’iscrizione al corso, pertanto gli interessati potranno inviare l’iscrizione all’indirizzo e-mail comunicazione@fincoweb.org specificando il proprio NOME, COGNOME, indirizzo MAIL, contatto TELEFONICO, PROFESSIONE.

RSFItalia incoraggia tutti i professionisti che operano nel settore della conservazione dei Beni culturali ad iscriversi. Il corso si configura com una grande occasione per la categoria, rappresenta un aggiornamento importante al quale, data la gratuità ed il prestigio di chi lo impartisce non si può rinunciare.


OBIETTIVI FORMATIVI DEL CORSO

Il corso risponde alle necessità di Documentazione e di Diagnostica per immagine per il Bene Culturale ed è concepito per le figure professionali del Restauratore, dello Storico dell’Arte e delle Tecniche artistiche e del Diagnosta per immagine.

L’obiettivo formativo preminente è l’acquisizione di competenza in senso pratico nella realizzazione un set di fotografia tecnica e multispettrale e di capacità interpretativa dei risultati e di acquisizione di immagini radiografiche;

L’obiettivo di qualità è il conseguimento di autonomia esecutiva da parte dell’allievo, facendo uso di strumentazione low-cost e di facile reperibilità commerciale al fine di garantire reale applicabilità delle nozioni e della prassi.

CONTENUTI

La base teorica è correlata a principi di fisica ottica e ad aspetti di storia delle tecniche artistiche; essa è propedeutica alla fase di interpretazione dei dati di immagine. In entrambe le fasi teoriche del corso si prevede un ampio confronto con materiale di archivio; l’allievo verrà allenato alla lettura critica dei risultati, integrando aspetti di natura conservativa, di tecnica artistica e di analisi stilistica.

Nella parte pratica il corso include la preparazione del set per lo scatto fotografico per l’acquisizione di immagini nei diversi range spettrali di interesse in relazione alla tipologia di opera e di supporto, la corretta postproduzione digitale e la catalogazione mediante i software di elaborazione e gestione di immagine più diffusi.

Le analisi multispettrali sono trattate sia in senso teorico sia applicativo, guidando l’allievo nel percorso di:

Selezione della corretta tecnica per scopi diagnostici specifici

Realizzazione pratica dell’acquisizione con strumentazione low cost

Interpretazione dei dati con lettura diagnostica. Si dedicherà particolare attenzione alle analisi di primo impatto:

-Fluorescenza Ultravioletta per lo studio di vernici, strati filmogeni e interventi di ritocco

-Riflettografia infrarossa per lo studio dell’Underdrawing e dei pentimenti pittorici

-Falsi colori per il riconoscimento non invasivo dei pigmenti

-Luminescenza VIL e VIVL

-Radiazioni X (radiografia e macro-XRF mapping)

 

 

Commenti

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato




Logo_GDA
alinari
archeo
archeomatica