Paolo Pastorello

Presidente - Socio Fondatore

Paolo Pastorello

Contattami

Paolo Pastorello è titolare dello STUDIO CRC, ditta specializzata nella conservazione e nel restauro di opere d’arte e beni culturali. Nato a Napoli nel 1953, è laureato in  Antropologia Culturale presso la Facoltà di Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma e ha conseguito il titolo di Restauratore di Beni Culturali presso la Scuola di Alta Formazione dell’Istituto Centrale per il Restauro di Roma.

Dal 1983 svolge attività didattica e di consulenza per istituzioni nazionali e internazionali (ISCR e ICCROM, a Roma; GCI, Malibu, USA; CACH Chinese Academy of Cultural Heritage, Pechino, Cina) e ha partecipato a progetti di grande valore culturale per la tutela di importanti  monumenti del World Heritage, come la Tomba di Nefertari, Luxor – Egitto, Progetto GCI e Governo Egiziano 1987; il  Mosaico di Orfeo a Paphos, Cipro, GCI 1991; la Cappella Barocca del Castello di Valtice – Repubblica Ceca, Project Raphael CEE e World Monuments Fund – New York 1998; i dipinti murali di Giotto, Cimabue e Pietro Cavallini nella Basilica Superiore in Assisi a seguito del terremoto del 1998, Progetti ICR 1999-2002; l’Harem del Palazzo di Serse – Conservation of a Carved Window of the Residential Palace of Xerxes, Persepolis, Iran, Università di Bologna – UNIBO e ISiAo – Iranian-Italian Joint Archaeological Research Project 2011).

Specializzato nella conservazione dei dipinti, dei mosaici e dei materiali lapidei, ha realizzato il restauro conservativo di importanti opere d’arte e monumenti come gli affreschi di Guido Reni e Lanfranco nell’Oratorio di S. Andrea al Celio, Roma; la Cappella Palatina di Palermo (soffitto ligneo arabo-normanno dipinto a Muqarnas e mosaici parietali e pavimentali del sec. XII); dipinti murali e mosaici di epoca romana (Pompei, Case di Romolo e Remo, di Trittolemo e di Calpurnius Diogenes, 2008; Castellammare di Stabia, Villa Romana di Arianna, 2008; Roma, Musei Capitolini, Mosaico romano policromo raffigurante il Ratto di Proserpina, 1997) e importanti opere pittoriche su tela e tavola, capolavori di Perugino, Tintoretto, Palma il Vecchio, Bronzino, Agnolo Gaddi, Federico Zuccari, Guercino, Jan Gossart, Gerard David e altri maestri italiani e fiamminghi, curando anche la pubblicazione dei risultati degli interventi più importanti.

Al momento è impegnato nel restauro dei dipinti murali e degli stucchi della Galleria dei Carracci a Palazzo Farnese, Roma (WMF e Ambasciata di Francia), come responsabile dell’ATI Farnese.

Logo_GDA
alinari
archeo
archeomatica